Conclusione

Con il presente lavoro si è tentato di approfondire – per quanto permesso dalle modeste capacità dell’autore – aspetti del pensiero e dell’attività filosofico-letteraria di Carlo Michelstaedter scarsamente considerati, o quantomeno considerati solo superficialmente, dalla critica. E come in ogni altro lavoro dedicato al goriziano – l’argomento non fa alcuna differenza -, anche qui è emersa con forza quella che forse è la sua principale caratteristica: l’essere un uomo contro. Armato di una penna e di una conoscenza tanto vasta da far arrossire di certo il sottoscritto, ma anche più di un docente universitario, Michelstaedter dichiara guerra alla propria epoca. Contro tutti i suoi valori – siano essi sociali (la borghesia), politici, filosofici (Croce, Nietzsche) e letterari (D’Annunzio) – egli è in trincea. Ma c’è un dato che bisogna tenere sempre ben presente: dell’esito fallimentare di questa sua campagna il goriziano è perfettamente consapevole, sin dall’inizio – si ricordi l’avvio («Io lo so che parlo perché parlo ma che non persuaderò nessuno» [287]) della sua opera organicamente maggiore, La persuasione e la rettorica -. Michelstaedter è un uomo troppo pratico per potersi illudere, anche solo per un istante, del contrario. Egli sa bene che un individuo ostile al proprio tempo, un «malpensante», come si definisce Leopardi nei Paralipomeni della Batracomiomachia, incapace di cedere ai compromessi (e fortunatamente – parlo in questo caso da egoista, lo confesso – al compromesso della tesi di laurea ha ceduto), è destinato alla sconfitta.

Qualcuno di voi si domanderà che cosa ci dia la misura del fallimento e della sconfitta del goriziano, quale dato ci permetta di considerare tale la sua esperienza filosofico-letteraria ed esistenziale in generale. No, non mi riferisco al suicidio [288]. La questione è molto più semplice: basta ricordarsi cosa è avvenuto in questi centosette anni che ci separano dalla morte di Michelstaedter; basta guardare cosa siamo noi stessi. Tutto è andato esattamente, matematicamente al rovescio rispetto a quanto auspicato dal goriziano, rispetto a quanto, prima di lui, auspicato da Socrate, Cristo, Leopardi e Tolstoj, tanto per fare alcuni nomi. Ha trionfato la «rettorica», ecco tutto, su tutti i fronti e senza colpo ferire peraltro. E noi che Michelstaedter lo leggiamo, noi che di Michelstaedter scribacchiamo, limitandoci a questo, limitandoci a fare «teoria», non facciamo altro che confermarlo. Del resto, anche questa è «rettorica».

Vorrei chiarire inoltre un’altra questione. In un paio di casi nel presente lavoro si è fatto riferimento al nichilismo. Michelstaedter – secondo il mio modesto punto di vista – non è un nichilista, almeno non nelle intenzioni. Ma nichilistico è l’esito del suo pensiero – come lasciano intendere le due conclusioni del Dialogo della salute, ma anche il Dialogo tra Diogene e Napoleone e numerosi appunti [289] -, e non potrebbe essere altrimenti. Perché inevitabilmente nichilistico è l’esito di ogni pensiero – peraltro così intransigente e severo come quello michelstaedteriano – in guerra con il proprio tempo.

Prima di concludere, un’amara constatazione. Dopo aver terminato una tesi di laurea su Carlo Michelstaedter si prova un certo malcontento. Concluso il lavoro ci si rende improvvisamente conto della propria piccolezza, o meglio, della propria nullità, perché, seppur inconsciamente, si è portati a confrontare la propria tesi di laurea con quella del goriziano. E mentre lo studio di Michelstaedter si impone come una delle opere più grandi ed importanti della storia della letteratura e della filosofia italiana – e non solo -, per quanto mosso dall’ammirazione, il nostro studio su Michelstaedter finisce per risultare nient’altro che l’ennesimo – anche se infinitesimale – laccio con il quale la «rettorica» avvince colui che alla sua resistenza aveva consacrato la vita e l’opera.

Note

[287] Carlo Michelstaedter, La persuasione e la rettorica, op. cit., p. 35.

[288] Del suicidio di Michelstaedter ho deciso deliberatamente di non fornire – eccetto il vago accenno al leopardiano Bruto minore – nessuna interpretazione. In tutti questi anni ne sono state fornite molte, e delle più fantasiose, che bastano a soddisfare tutti i gusti.

[289] Uno su tutti, senza data, ma risalente, secondo Chiavacci, al principio del 1909: «Vera coscienza è la coscienza della nullità, cioè quella che cessa d’essere coscienza. Tale è l’intima contraddizione e l’estremo sarcasmo di tutta la commedia. […]
La coscienza non arriva mai a possedersi perché nel momento in cui è in condizione di farlo cessa d’essere coscienza. Così avviene che essa non giunge mai all’assoluto, alla vera essenza». Carlo Michelstaedter, Opere, op. cit., p. 779.

Bibliografia

Opere di Carlo Michelstaedter

Opere, a cura di G. Chiavacci, Sansoni, Firenze 1958.
La persuasione e la rettorica, a cura di S. Campailla, Adelphi, Milano 1982.
Epistolario, a cura di S. Campailla, Adelphi, Milano 1983.
Poesie, a cura di S. Campailla, Adelphi, Milano 1987.
Il dialogo della salute e altri dialoghi, a cura di S. Campailla, Adelphi, Milano 1988.
La persuasione e la rettorica. Appendici critiche, a cura di S. Campailla, Adelphi, Milano 1995.

Opere critiche su Carlo Michelstaedter

AA.VV., Dialoghi intorno a Michelstaedter, a cura di S. Campailla, Biblioteca Statale Isontina, Gorizia 1988.
AA.VV., Eredità di Carlo Michelstaedter (Atti del Convegno internazionale di Studi su Michelstaedter. «Il coraggio dell’impossibile», Gorizia, 1-3 ottobre 1987, a cura di S. Cumpeta e A. Michelis), Forum, Udine 2002.
Alfieri V. E., Michelstaedter poeta, in «Letterature moderne», XII, 2-3, pp. 133-147.
Asor Rosa A., Ritratto dell’intellettuale da giovane, in Giuseppe Prezzolini, L’arte di persuadere, Liguori, Napoli 1991.
Asor Rosa A., «La Persuasione e la rettorica di Carlo Michelstaedter», in Letteratura italiana. Le Opere, vol. IV, Il Novecento, I. L’età della crisi, Einaudi, Torino 1995, pp. 265-332.
Benussi Frandoli M. C., La persuasione e la rettorica: autobiografia e scrittura, in AA.VV., Eredità di Carlo Michelstaedter, op. cit., pp. 71-81.
Brianese G., Michelstaedter e la retorica, in AA.VV., Dialoghi intorno a Michelstaedter, op. cit., pp. 121-135.
Cacciari M., La lotta “su” Platone. Michelstaedter e Nietzsche, in AA.VV., Eredità di Carlo Michelstaedter, op. cit., pp. 93-105.
Camerino G. A., La “rettorica” di Michelstaedter e la “Sprachkritik” viennese, in G. A. Camerino, La persuasione e i simboli. Michelstaedter e Slataper, Liguori, Napoli 2005.
Campailla S., Postille leopardiane di Michelstaedter, in S. Campailla, Scrittori giuliani, Pàtron, Bologna 1980, pp. 51-64.
Campailla S., Michelstaedter lettore di Ibsen, in S. Campailla, Scrittori giuliani, op. cit., pp. 65-91.
Campailla S., Psicologia del comico nei disegni di Michelstaedter, in S. Campailla, Scrittori giuliani, op. cit., pp. 133-145.
Campailla S., Introduzione a C. Michelstaedter, La persuasione e la rettorica, op. cit., pp. 9-32.
Campailla S., Il terzo regno, in C. Michelstaedter, Poesie, op. cit., pp. 11-31.
Campailla S., Della salute ovvero della malattia, in C. Michelstaedter, Il dialogo della salute e altri dialoghi, op. cit., pp. 11-21.
Campailla S., Un autore postumo, in C. Michelstaedter, La persuasione e la rettorica. Appendici critiche, op. cit., pp. IX-XVII.
Cavaglion A., Una giovinezza immortale. Michelstaedter e Tolstoj, in AA.VV., Dialoghi intorno a Michelstaedter, op. cit.
Guglielmi G., La poetica di Michelstaedter, in «Il Verri», n. 12, pp. 61-77.
Harrison T., 1910. L’emancipazione della dissonanza, traduzione di M. Codebò e F. Lopiparo, Castelvecchi, Roma 2017.
Lonardi G., Mito e accecamento in Michelstaedter, in «Lettere italiane», XIX, 3, pp. 219-317.
Luperini R., «Carlo Michelstaedter», in Gli esordi del Novecento e l’esperienza della «Voce», Laterza, Bari 1990, pp. 105-119.
Michelis A., Un uomo di fine / inizio secolo: l’eco del canto nell’oscurità del cuore, in AA.VV., Eredità di Carlo Michelstaedter, op. cit., pp. 17-26.
Muzzioli F., Il vociano Michelstaedter, in «Alfabeta», VI, 57.
Muzzioli F., Michelstaedter, Milella, Lecce 1987.
Muzzioli F., Il confronto delle interpretazioni: Michelstaedter tra simbolo e allegoria, in AA.VV., Eredità di Carlo Michelstaedter, op. cit., pp. 83-90.
Muzzioli F., Piccolo dizionario dell’alternativa letteraria, ABEditore, Milano 2014.
Muzzioli F., L’allegoria, Lithos Editrice, Roma 2016.
Pagnanelli F., Il sorriso tragico di Carlo Michelstaedter, in AA.VV., «Quel libro senza eguali». Le Operette morali e il Novecento italiano, a cura di N. Bellucci e A. Cortellessa, Bulzoni, Roma 2000, pp. 53-67.
Pieri P., La scienza del tragico. Saggio su Carlo Michelstaedter, Cappelli, Bologna 1989.
Taviani G., Michelstaedter, G.B. Palumbo & C. Editore, Palermo 2002.

Opere di altri autori

Aristotele, Problemi, a cura di M. F. Ferrini, Bompiani, Milano 2002.
Aristotele, Retorica, a cura di M. Dorati, Mondadori, Milano 1996.
Bachtin M. M., Epos e romanzo, in G. Lukàcs, M. Bachtin e altri, Problemi di teoria del romanzo. Metodologia letteraria e dialettica storica, a cura di V. Strada, Einaudi, Torino 1976.
Cardarelli V., La poltrona vuota, Rizzoli, Milano 1969.
Ciracì F., Verso l’assoluto nulla: la Filosofia della redenzione di Philipp Mainländer, Pensa multimedia, Lecce 2006.
D’Annunzio G., Più che l’amore, in G. D’Annunzio, Tutto il teatro, II, a cura di G. Antonucci, Newton Compton editori, Roma 1995.
Dostoevskij F. M., Delitto e castigo, traduzione di V. Carafa de Gavardo, in F. Dostoevskij, Grandi romanzi, Newton Compton editori, Roma 2010.
Dostoevskij F. M., I fratelli Karamazov, traduzione di A. Polledro, Newton Compton editori, Roma 2010.
Ecclesiaste (Qoelet), in La sacra Bibbia, edizione ufficiale della C.E.I., Cooperativa Promozione Culturale, Roma 1999.
Empedocle, Poema fisico e lustrale, a cura di C. Gallavotti, Mondadori, Milano 2013.
Eraclito, I frammenti e le testimonianze, traduzione di Carlo Diano, Monadori, Milano 2009.
Eschilo, Agamennone, in Eschilo, Orestea, traduzione di E. Savino, Garzanti, Milano 2014.
Gadamer H.-G., Dove si nasconde la salute, a cura di A. Grieco e V. Lingiardi, Cortina Raffaello, Milano 1994.
Gozzano G., Le poesie, a cura di E. Sanguineti, Einaudi, Torino 2016.
Hegel G. W. F., Lezioni sulla filosofia della storia, a cura di G. Bonacina e L. Schirollo, editori Laterza, Roma 2003.
Hofmannsthal H. v., Lettera di Lord Chandos e altri scritti, a cura di M. Rispoli, Marsilio, Venezia 2017.
Hugo V., I lavoratori del mare, traduzione di G. Di Belsito e R. Prinzhofer, Mursia, Milano 2007.
Ibsen H., I capolavori, introduzione e presentazioni di G. Antonucci, Newton Compton editori, Roma 2016.
Isaia, in La sacra Bibbia, op. cit.
Jauss H. R., Perché la storia della letteratura?, traduzione di A. Vàrvaro, Guida, Napoli 2001.
Leopardi G., Canti, in G. Leopardi, Tutte le poesie e tutte le prose, a cura di L. Felici ed E. Trevi, Newton Compton editori, Roma 2016.
Leopardi G., Epistolario, in G. Leopardi, Tutte le poesie e tutte le prose, op. cit.
Leopardi G., Operette morali, in G. Leopardi, Tutte le poesie e tutte le prose, op. cit.
Leopardi G., Paralipomeni della Batracomiomachia, in G. Leopardi, Tutte le poesie e tutte le prose, op. cit.
Leopardi G., Zibaldone, edizione integrale diretta da L. Felici, Newton Compton editori, Roma 2016.
Luciano, Storia vera. Dialoghi dei morti, a cura di M. Vilardo, Mondadori, Milano 1991.
Lucrezio, De rerum natura, a cura di G. Milanese, Mondadori, Milano 2007.
Mirbeau O., Diario di una cameriera, traduzione di L. Moscardini, Elliot, Roma 2015.
Nietzsche F., Così parlò Zarathustra. Un libro per tutti e per nessuno, traduzione di A. M. Carpi, in F. Nietzsche, Opere 1882/1895, Newton Compton editori, Roma 2008.
Papini G., Il tragico quotidiano, Garzanti, Milano 1948.
Parmenide, Poema sulla natura: i frammenti e le testimonianze indirette, traduzione di G. Reale, Bompiani, Milano 2003.
Petrarca F., Trionfi, a cura di G. Bezzola, Rizzoli, Milano 1984.
Pirandello L., Il guardaroba dell’eloquenza, in L. Pirandello, Novelle per un anno, a cura di S. Campailla, Newton Compton editori, Roma 2016.
Platone, Apologia di Socrate; Critone, traduzione di N. Marziano, Garzanti, Milano 2004.
Platone, Fedro, a cura di G. Reale, Mondadori, Milano 2009.
Platone, Parmenide, traduzione di G. Cambiano, editori Laterza, Roma 2008.
Platone, Politico, traduzione di G. Giorgini, BUR, Milano 2005.
Platone, Sofista, traduzione di B. Centrone, Einaudi, Torino 2008.
Prezzolini G., L’arte di persuadere, Liguori, Napoli 1991.
Schopenhauer A., Il mondo come volontà e rappresentazione, traduzione di G. C. Giani, Newton Compton editori, Roma 2011.
Slataper S., Ibsen, Sansoni, Firenze 1944.
Sofocle, Elettra, traduzione di F. M. Pontani, in I tragici greci. Eschilo, Sofocle, Euripide, Newton Compton editori, Roma 2016.
Sterne L., La vita e le opinioni di Tristram Shandy, gentiluomo, a cura di L. Conetti, Mondadori, Milano 2005.
Tolstoj L. N., Anna Karenina, traduzione di L. Ginzburg, Einaudi, Torino 2014.
Tolstoj L. N., Resurrezione, traduzione di E. Guercetti, Garzanti, Milano 2013.
Vailati G., Scritti, a cura di Mario Quaranta, Arnaldo Forni Editore, Sala Bolognese 1987.
Vangelo secondo Giovanni, in La sacra Bibbia, op. cit.
Vangelo secondo Luca, in La sacra Bibbia, op. cit.
Vangelo secondo Matteo, in La sacra Bibbia, op. cit.
Weininger O., Sesso e carattere, traduzione di J. Evola, Edizioni Mediterranee, Roma 1992.
Wittgenstein L., Tractatus Logico-Philosophicus, in L. Wittgenstein, Tractatus Logico-Philosophicus e Quaderni 1914-1916, traduzione di A. G. Conte, Einaudi, Torino 1964.

Il piano dell’opera

Introduzione

Prima parte. Il linguaggio
Capitolo primo. La critica del linguaggio
Capitolo secondo. La risemantizzazione delle parole

Seconda parte. La scrittura
Capitolo primo. La commistione di generi, stili e toni
Capitolo secondo. Il plurilinguismo
Capitolo terzo. Il citazionismo
Capitolo quarto. Il riso
Appendice

Terza parte. L’insufficienza della parola
Capitolo primo. Parola scritta e parola parlata. Socrate e Cristo
Capitolo secondo. Michelstaedter critico. D’Annunzio e Tolstoj
Capitolo terzo. Rico e Nino. Il fallimento

Conclusione

Bibliografia

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata

Follow by Email
Instagram
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: