Immerso nella contemplazione della “Madonna Sistina” di Raffaello, come Dostoevskij nei giorni bui, funesti del prolifico soggiorno a Dresda, creando così un ponte ideale tra me e colui il quale considero il più grande scrittore di sempre.

Dostoevskij giunse a Dresda, in compagnia della moglie, nel settembre del 1869. Nei giorni sereni passeggiava – strascinando pesantemente le gambe come se fossero ancora oppresse da quei crudeli ferri che per quattro, dolorosi anni lo avevano intrappolato nel gelo siberiano – ed ascoltava musica – per lui solo l’orchestra del ristorante eseguiva l’ouverture del Don Giovanni.

Nei giorni bui, funesti, in cui l’angoscia, la mestizia e l’inquietudine lo stringevano in una feroce morsa dalla quale era impossibile liberarsi, si rifugiava invece nella preziosa pinacoteca della città tedesca e trascorreva ore ed ore di intensa ed estatica contemplazione dinanzi la Madonna Sistina di Raffaello.

Raffaello Sanzio, Madonna Sistina, 1513-1514 circa.

C’è qualcosa di indefinibile, di ineffabile che rende questa tela grandiosa. Qualcosa di mistico e potente che vince l’osservatore. L’insieme è magnifico ed armonioso, ma è la Madonna, avvolta dalla luce, incamminata a piedi nudi sulle nubi, a risaltare in tutta la sua grandezza, in tutta la sua purezza ed in tutta la sua grazia. Dal suo etereo volto di fanciulla vergine, si diffonde uno sguardo penetrante che trafigge il cuore e riempie l’animo di chi osserva.

La contemplazione dell’opera consola l’uomo e lo astrae dal tempo. L’eternità sfiora il capo dell’osservatore che, una volta distolto lo sguardo ammaliato, porterà per sempre dentro di sé la tela. La Madonna Sistina si incastona come un diamante dall’inestimabile valore nelle profondità di chi la osserva, per non staccarsi più. Un’opera che ingentilisce, impreziosisce ed orna l’uomo che l’ha, almeno una volta nella vita, ammirata.

La Madonna Sistina è una visione, una epifania di bellezza. Una bellezza ideale, ma pur sempre umana. Una bellezza divina, ma pur sempre terrena. È forse questo il suo misterioso segreto.

A proposito dell'autore

Classe 1989, dopo il diploma di liceo scientifico mi iscrivo alla facoltà di Lettere presso l'Università degli Studi di Roma "La Sapienza", dove mi laureo nel luglio del 2015 con la tesi "Figlie della crisi. I personaggi femminili di Heinrich von Kleist", pubblicata sulla rivista «Le rotte - Il porto di Toledo». Sempre presso lo stesso ateneo, nel settembre del 2017, conseguo la laurea magistrale in Filologia Moderna, con la tesi "Con le parole guerra alle parole. Linguaggio e scrittura in Carlo Michelstaedter". Sul blog bazzecole.altervista.org i maldestri tentativi di scrittura creativa.

Post correlati

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: